Carta di Compagnia

CARTA DI EFESTO



Prefazione:


“Noi siamo il dio del fuoco. Efesto ci chiamiamo!”

E’ solo grazie alla collaborazione di tutti i ceppi che riusciamo ad essere un grande fuoco.

La cenere è per noi sia punto d’inizio che di fine; se vogliamo tornare ad ardere, non abbiamo bisogno di altra legna, sarà sufficiente un sospiro e riprenderemo vita.

Non saranno né la pioggia né la tempesta a spegnerci: il nostro cuore continuerà ad ardere e torneremo a splendere.

Riusciamo ad ottenere il calore necessario per scaldare gli altri e noi stessi in quanto riteniamo il servizio fonte di arricchimento e crescita personale mediante la nostra capacità di fare del bene al prossimo.

Dall’equilibrio perfetto delle nostre emozioni nascono le fiamme che si fondono con la Natura in un’unica entità indivisibile generando pensieri che saranno spunto di condivisione e collaborazione per l’unione della Compagnia.

Riteniamo importante mettersi in gioco per conoscere la realtà in cui viviamo ampliando i nostri orizzonti e impegnandoci ad interiorizzare e a condividere i valori in cui crediamo anche nella vita quotidiana.

Nonostante la realtà cambi di anno in anno, Efesto continua ad essere la culla in cui ogni Rover può rifugiarsi vivendo fra esperienze indimenticabili e legami sinceri.



Carta di Compagnia:


Io, Rover della Compagnia “Efesto”, cosciente che il fine ultimo di un vero roverismo è la fraternità e il servizio prestato in amore del prossimo, nel porre la mia firma su questa carta mi impegno a rispettare i valori in essa contenuti. Ho quindi deciso di impegnarmi:


1. A partecipare con interesse e regolarità alle riunioni settimanali tenute dalla Compagnia per sviluppare in me quel senso critico così utile nei rapporti con la società e per trovare la giusta soluzione ai problemi di ogni giorno.


2. A vivere con semplicità nella natura, rispettandola e amandola, cercando così di imparare da essa la scienza della vita.


3. Ad applicare in ogni momento gli insegnamenti della Promessa e della Legge Scout, nell’intento di raggiungere l’armonia e il giusto equilibrio interiore per stare insieme alla gente che mi circonda.


4. A porre l’ascolto come base del rapporto tra persone, con rispetto del parere degli altri.


5. A considerare la Compagnia come luogo privilegiato di riflessione e di scambio di punti di vista con il fine di sviluppare la capacitá di accogliere le diversità, favorire il superamento di stereotipi e pregiudizi ed incentivare il dialogo ed il confronto con tutte le persone anche al di fuori della compagnia e dello scautismo.


6. A esprimermi con schiettezza nelle occasioni di confronto, evitando comportamenti ipocriti e falsi, e tentare di comprendere e superare i miei limiti.


7. A mettermi a servizio del prossimo con consapevolezza , non perché devo, ma perché serve, in modo da portare l’esempio come scout nel mondo che mi circonda.


8. A mettere a servizio della Compagnia i miei interessi e la mia esperienza personale per l’arricchimento di tutti,


9. A rifiutare qualunque discriminazione di sesso, razza, religione, cultura, posizione sociale e opinione politica, dentro e fuori dalla Compagnia.


10. A creare un sistema di Compagnia democratico, collaborativo, organizzato e coeso, in nome degli ideali di libertà, fratellanza e uguaglianza che ci legano.



Scelgo, con la mia firma, di stringere un patto con il dio del fuoco Efesto, per impegnarmi a rispettare i valori scout in cui credo e ad essere una scintilla della fiamma che rappresenta la Compagnia. Lunga vita a Efesto!


Comments